14/02/2017
SAN VALENTINO ROMANTICO A VIGOLENO





09/10/2016
Giornata Nazionale delle FAMIGLIE AL MUSEO




10/09/2016
I concerti "al tramonto" di Vigoleno



Sabato 10 Settembre ore 19,15
Vigoleno, Oratorio di S. Maria delle Grazie

C. Frank
Sonata in LA min.

Luca Fanfoni violino
Angelo Aliberti pianoforte



29-30-31/07/2016
Bascherdeis





23-24/07/2016
Vigoleno in Festa con l'anolino





25/06/2016
La notte romantica nei borghi più belli d'Italia





17/06/2016
La Notte dei Briganti





14-29/05/2016
Mostra d'arte



31/01/2016
Wedding Day a Vigoleno




4-18/10/2015
Genio, follia e grastronomia

I 4 ristoranti che partecipano alla rassegna "A tavola con Ligabue".

Ristorante da Giovanni
Ristorante da Faccini
Antica Osteria Croce Bianca
Taverna al Castello

Dal 4 al 18 ottobre 2015, oltre al consueto menu, troverete all’interno di questi 4 ristoranti della Val d’Arda la possibilità di degustare un menu dedicato alle opere del grande artista reggiano.



4-18/10/2015
Ligabue rivive a Vigoleno






25-26/07/2015
Bascherdeis





06/06/2015
La Notte dei Briganti





30/05/2015
Notte Paranormale





15/04/2015
L'antica e curiosa arte degli Orsanti




30/03/2015
Mercatini delle Meraviglie

Ritorna a Vigoleno la ricchissima vetrina della creatività italiana degli artisti di “Folklore dell’Arte” con l’accurata gestione della loro coordinatrice Armineh Petrossians.
I maestri artigiani del gruppo Folklore dell’Arte accoglieranno e accompagneranno i visitatori durante tutta la giornata dalle ore 10 alle ore 18.30, con le loro ultime creazioni. Scopri le date!!!





20/02/2015
La strada per Waterloo



Tre appuntamenti di rievocazioni storiche del periodo napoleonico.

Scopri il programma (PDF)



12/02/2015
#ExpoBorghi



Il Borgo di Vigoleno e il Museo gli Orsanti parteciperanno all'iniziativa del Club I Borghi più Belli d'Italia, di cui il borgo piacentino fa parte. Il primo maggio 2015 l'Esposizione Universale di Milano aprirà le sue porte a milioni di visitatori in arrivo da tutto il mondo, e l'Italia avrà un'occasione unica e irripetibile per promuoversi a livello internazionale.
Il Club i Borghi più Belli d'Italia sarà presente a EXPO Milano 2015 con un proprio stand, all'interno del Padiglione Italia, nel quale tutti i Borghi d'Italia aderenti al progetto potranno far conoscere la ricchezza del patrimonio storico – artistico – culturale e le tipicità enogastronomiche dei rispettivi territori.
Il Borgo di Vigoleno e il Museo gli Orsanti parteciperanno al progetto #ExpoBorghi; un concorso fotografico a premi organizzato dal Club, totalmente gratuito, che consentirà ad ogni Borgo di essere presente ad Expo con una propria immagine nella mostra e nel video promozionale che potranno essere ammirati presso lo stand del Club.
Come partecipare? Semplice!
Basterà seguire il profilo Instagram @borghitalia, e pubblicare le proprie fotografie scattate all'interno dei Borghi, accompagnate dall'hashtag #ExpoBorghi e #Vigoleno. Nell'ottica della promozione del “fascino dell'Italia nascosta”, le immagini più belle saranno condivise tramite i canali social del Club, nei mesi che anticipano l'apertura della mostra. Gli autori successivamente selezionati saranno premiati con l'esposizione del proprio scatto nella mostra allestita presso lo stand del Club.
I primi tre classificati otterranno ingressi gratuiti a EXPO, il primo classificato inoltre vincerà un week end in uno dei Borghi più Belli della Lombardia.
Cerca su Instagram il profilo del Borgo di Vigoleno: @vigoleno_museoorsanti e inizia subito a condividere le tue foto e i tuoi momenti trascorsi in uno dei Borghi più Belli d'Italia!

Segui su twitter: #MuseoGliOrsanti e #Vigoleno
Segui su Facebook: Museo Gli Orsanti

REGOLAMENTO CONTEST INSTAGRAM (PDF)



10/11/2014
Ligabue dipinge gli Orsanti

Grande successo e interesse, domenica 9 Novembre 2014, per la presentazione della scultura inedita e del quadro "Orso che balla" di Antonio Ligabue, originario di Gualtieri (RE).
È infatti nota l'abilità nel disegno e l'amore verso gli animali del celebre pittore e sculture reggiano, che anche in questo dipinto fa trasparire il suo coinvolgimento per la natura circostante che lo spinge ad immedesimarsi e ad aspirare di essere uno dei suoi animali.
Ecco quindi che Ligabue si rivede nell'orso e non nel domatore.
Sono note anche le vicende degli Orsanti, che attraverso spettacoli di strada con gli orsi e altri animali addestrati, fondarono la loro storia e fortuna. Ma in questo caso sembrerebbe quasi che Ligabue cerchi di restituire all'orso quella forza e potenza che l'Orsante aveva imparato a domare e placare.
In occasione della kermesse artistica, è intervenuta Valeria Benaglia, presidente del Museo gli Orsanti di Vigoleno (PC), che ha ribadito: " ...sono felice che un artista come Ligabue abbia scelto di dedicare una sua opera agli Orsanti, personaggi che ad oggi sono poco conosciuti dal grande pubblico, ma che partendo dall'Appenino Tosco - Emiliano, hanno segnato la storia dell'arte di strada e dei circhi in tutto il mondo. È chiaro che l'intento di quest'opera e del suo pittore sia quello di portare in primo piano la figura dell'animale, disegnando l'orso molto più grande del suo domatore, ridargli la forza e la maestosità che la natura gli ha donato, e che l'Orsante per necessità aveva dovuto sottomettere...".
Nella primavera 2015 l'opera di Antonio Ligabue sarà esposta per alcune settimane al Museo gli Orsanti di Vigoleno, in provincia di Piacenza. Certo sarà l'ennesima occasione per confermare l'importante scambio culturale ed artistico tra Gualtieri e Vigoleno.





07/11/2014
PRESENTAZIONE SCULTURA INEDITA DI LIGABUE
Inizia sabato 8 novembre a Gualtieri presso la Sala dei Falegnami di Palazzo Bentivoglio la kermesse "Incontri d'arte e di cultura" che porterà nel nostro paese artisti da tutto il Nord-Italia. Organizzata dall'associazione IRIS, che da anni grazie all'impegno del persidente Francesco Italiano, presenta, tra l'Emilia e il Piemonte giovani talenti che si affiancano ad artisti più conosciuti.
Riuscendo ad unire le diverse espressioni dell'arte, quindi pittura, musica, teatro... ed è per questo che i loro incontri si trasformano in grandi kermesse artistiche.
L'inaugurazione sarà dedicata alla poesia, già 35 poeti hanno inviato poesie che un'apposita giuria premierà proprio sabato.

Il momento clou sarà quello di domenica 9 novembre dove alle ore 15,00, all'interno dell'inaugurazione della mostra di pittura contemporanea, verrà presentata, a cura della Casa -Museo Ligabue, una scultura inedita e il quadro "Orso che balla" di Antonio Ligabue. Scultura "risparmiata" dall'alluvione del 1951 e arrivata sino a noi grazie alla concittadina Giovanna Melegari (1923-2005), famosa per essere stata assistente del prof. Nicola Occhiocupo a Parma e poi notaio nella stessa città.

La scultura rappresenta un orso ed è per questo che verrà accostata al dipinto di Ligabue "Orso che balla". Sarà motivo per introdurci nel fantastico mondo degli "orsanti", circensi delle colline di Parma che già alla fine del '700 lasciavano i loro paesi per il Nord-Europa dove nei Circhi e nelle piazze facevano ballare gli orsi,grazie a questa loro "dote" tramandata di generazione in generazione.
Ligabue ne venne certo in contatto in svizzera, dove sappiamo lavorò spesso nei circhi e che ha immortalato in questo quadro.
Di questo parlerà Valeria Benaglia, curatrice del Museo degli Orsanti di Vigoleno.

Programma delle giornate:

Sabato 8 novembre:
dalle ore 15,00 secondo concorso di poesie "Città di Gualtieri" con premiazione dei vincitori

Domenica 9 novembre:
ore 15,00 apertura Mostra d'Arte Contemporanea
Saluto ai partecipanti dell'Assessore alla Cultura Marcello Stecco
Presentazione della scultura inedita e del quadro a cura di Angelo Leidi e Marco Cagnolati
Ricordo e lettura poesie di Giovanna Melegari
Valeria Benaglia:"Il magico mondo degli orsanti"

Coordina la giornata Caleffi Giuseppe

Stacchi musicali con i "Maestri di Baracca" Pinon e Frenando Buffet con aperitivo
Per info tel 333-6546098 Caleffi Giuseppe



09/11/2014
Ligabue e gli orsanti
Domenica 9 Novembre 2014 presso il Palazzo Bentivoglio, a Gualtieri (RE), la Dott.ssa Valeria Benaglia, Presidente del Museo gli Orsanti, interverrà in occasione dell'evento “Incontri d'Arte e Cultura”. Sarà infatti presentata una scultura inedita e un quadro di Antonio Ligabue, intitolato “Orso che balla” , preziose testimonianze della storia e delle migrazioni degli Orsanti, a cui è stato dedicato un museo unico in tutta Europa, situato all'interno del Borgo di Vigoleno (PC).
L'evento e la mostra, organizzati dalla Casa Museo Antonio Libabue, sono aperti al pubblico a partire da sabato 8 Novembre; ci saranno inoltre poesie, musica e la premiazione della II edizione del premio internazionale di poesia città di Gualtieri.
Siete tutti invitati a quest'occasione dedicata allo scambio culturale e all'arte.

LOCANDINA (PDF)



24/06/2014
VIGOLENO OSPITA LA COMPAGNIA TEATRO DEL CIGNO
Sabato 5 luglio a Vigoleno, all'interno del mastio del castello, avrà luogo lo spettacolo itinerante “Molto rumore per nulla” di W.Shakespeare, messo in scena dalla Compagnia Teatro del Cigno con la regia di Ilaria Carmeli.
Si tratta di una compagnia teatrale reggiana che unisce attori professionisti e semi-professionisti, provenienti da percorsi differenti, in nome di un progetto comune di teatro di qualità.
La compagnia ha sempre cercato di coinvolgere artisti provenienti da altre forme d’arte quali la danza, la musica, il canto, la pittura, la video-arte, tenendo ben presente lo scopo di creare un “polo artistico-culturale” che unisca passione e professionalità e che possa diventare un riferimento per giovani che vogliano seriamente mettersi in gioco in campo artistico.
Il programma prevede un doppio spettacolo, il primo inizierà alle ore 18.30 mentre il secondo alle 20.30.

LOCANDINA (PDF)

Biglietto intero 9 €
ridotto fino ai 12 anni 6 €
Prenotazione consigliata

Per informazioni:
www.comune.vernasca.pc.it
infovigoleno@libero.it
tel. 329 7503774



04/06/2014
Ritorna la Notte dei Briganti il 14 giugno

Sabato 14 giugno torna la Notte dei Briganti, la camminata notturna che ogni anno accompagna i partecipanti da Vigoleno a Vernasca, un appuntamento imperdibile per immergersi nella natura e in un'epoca dal sapore antico.
Il percorso prevede 8 km tra boschi e sentieri, un panorama suggestivo con tante sorprese in programma.
La partenza è fissata per le ore 21.00 a Vigoleno e si concluderà a mezzanotte a Vernasca, lungo il cammino saranno collocati punti di ristoro con vino e salumi.
Al termine della camminata sarà allestito un maxi schermo presso l'Antica Pieve per vedere la partita Inghilterra-Italia, mentre sia all'inizio dell'escursione sia alla fine il pubblico potrà assistere all'esibizione musicale dei Khorakhanè, gruppo nato come tribute band a Fabrizio de Andrè che ha poi saputo sviluppare progetti originali e brani inediti.
Oltre duemila le persone attese a Vigoleno per una delle iniziative più suggestive dell’estate piacentina.

Non sono necessarie prenotazioni. Per chi vuole sarà possibile acquistare il buono per usufruire dei Punti Ristoro a 10 € (presso il comune a Vernasca, a Fiorenzuola presso la Casa del disco e a Vigoleno presso l’info del castello durante il week end o contattando il 3297503774).
Le "prevendite" non saranno rimborsabili.

INFO PER I BRIGANTI 2014 (PDF)

Sito web: www.comune.vernasca.pc.it
Info: 3297503774
infovigoleno@libero.it



26/05/2014
Esposizione di artigianato artistico e Concerto lirico
DOMENICA 1 GIUGNO - BORGO DI VIGOLENO


Il primo giugno nel Borgo di Vigoleno, a partire dalle 10.00, avrà luogo un'esposizione di artigianato artistico di qualità.
Si tratta di opere dell'ingegno creativo proposte dal gruppo "Folklore dell'arte" e dalla sua brillante coordinatrice e creativa Armineh Petrossians. I banchi di Folklore dell'Arte collaborano da diversi anni con istituzioni e associazioni, proponendo un artigianato selezionato e prodotto interamente dagli artisti con la loro creatività e fantasia. Si potranno ammirare: colorati oggetti in découpage tridimensionale, bigiotteria ad uncinetto e in Raku, maglieria e delicati accessori decorati a mano, cucito creativo, tegole e oggetti in fimo, fantasiosi cavatappi in legno, animaletti in gomma crepla e borse fatte con buste di caffè.
Gli artigiani saranno presenti all'ingresso del borgo medioevale, in piazza IV Novembre, per mostrare al pubblico la professionalità dell'handmade, in un tempo dove sempre più spesso si osservano oggetti in serie mentre quelli unici ed originali della tradizione artigiana vengono dimenticati.

Seguirà alle 17.00 un concerto lirico che fa parte del carnet della nona edizione del festival "Concerti di primavera" e della settima del festival "Invito all'opera", organizzati dal Circolo didattico musicale Ferruccio Busoni con il patrocinio e il contributo, tra gli altri, delle Province di Parma e Reggio Emilia, della Regione Emilia Romagna, di ben 12 Comuni, fra cui il Comune di Vernasca.
Ventinove spettacoli tra marzo e agosto 2014, per avvicinare il pubblico alla musica nelle cornici suggestive di castelli, antichi palazzi, corti e accoglienti teatri.

Scarica il programma del concerto
(PDF)

Ingresso gratuito

Per informazioni:
Tel: 3297503774
Email: infovigoleno@libero.it
Web Site: www.comune.vernasca.pc.it



06/05/2014
Grande successo per il Museo gli Orsanti

Domenica 4 maggio è stata inaugurata la nuova sede del Museo gli Orsanti nel Borgo di Vigoleno.

Un grande successo grazie ai numerosi visitatori che hanno partecipato attivamente alla manifestazione e si sono lasciati coinvolgere dai giocolieri e trampolieri che hanno animato il borgo con i loro spettacoli.

Il sindaco di Vernasca, Gianluigi Molinari, ha raccontato la storia degli Orsanti, nostri antenati, che nell'800 abbandonarono le loro terre in cerca di fortuna, dando vita alla tradizione dell'artista girovago ed ammaestratore di animali. Una storia che si lega profondamente ai Bascherdeis, il Festival Internazionale degli artisti di strada a Vernasca, giunto quest'anno alla decima edizione.

Ospite della giornata Silvia Bartolini, Presidente della Consulta emiliano-romagnoli nel mondo, ha ricordato Maria Teresa Alpi, fondatrice del museo e grande appassionata degli Orsanti, e ha invitato ad una collaborazione tra i Comuni affinchè queste testimonianze storiche non vadano perdute e venga realizzata la giusta divulgazione di un patrimonio unico ed originale.

Valeria Benaglia, Presidente del Museo, è intervenuta sottolineando la necessità di dare al Museo la giusta visibilità e collocazione all'interno di un contesto ideale come quello del Borgo di Vigoleno, che ha saputo accogliere e promuovere il museo stesso.

La manifestazione si è svolta all'insegna del divertimento, grazie al coinvolgimento diretto del pubblico e specialmente dei bambini: lo spettacolo di burattini, le bolle di sapone, i trampolieri e i giocolieri hanno saputo ricreare un'atmosfera magica, dando vita a una grande festa in onore degli Orsanti.



28/04/2014
Inaugurazione della nuova sede del Museo gli Orsanti

Domenica 4 maggio avrà luogo l'inaugurazione della nuova sede del Museo gli Orsanti, presso Casa Tanzi, nello splendido Borgo di Vigoleno.
Una grande novità per la Provincia di Piacenza, che si arricchisce così di un patrimonio storico-culturale originale e prezioso, allestito grazie all'esperienza e professionalità dell'architetto Patrizio Losi.
In occasione di questo evento sarà organizzata una giornata all'insegna dell'intrattenimento con spettacoli ed attività per bambini: trampolieri, giocolieri, bolle di sapone, burattini.
Il pubblico avrà così modo di calarsi completamente nel mondo degli Orsanti, vivendo un'esperienza unica e divertente.
Interverranno il sindaco di Vernasca, Gianluigi Molinari, e il Presidente della Consulta emiliano-romagnoli nel mondo, Silvia Bartolini, entrambi grandi sostenitori del Museo gli Orsanti e delle sue iniziative. L'evento è patrocinato dal Comune di Vernasca, dallla Provincia di Piacenza e dalla Regione Emilia-Romagna.
Il Museo raccoglie le testimonianze di vita degli Orsanti, artisti musicanti e ammaestratori di animali che a partire dal XVIII secolo emigrarono, portando in giro per il mondo i propri spettacoli.
Rappresenta un viaggio in una realtà che appartiene alla nostra tradizione: grandi orsi di cartapesta, insoliti strumenti musicali, costumi di scena, stampe d’epoca, dipinti, documenti e oggetti di vita quotidiana descrivono perfettamente l'atmosfera vissuta da questi artisti.
Accattonaggio, commercio ambulante, lavori campestri e forestali, filatura, spettacoli di strada con animali o esibizioni musicali, furono alcune delle attività con cui cercarono di sopravvivere all'estero.
Il Museo nasce dall'iniziativa di Maria Teresa Alpi, stilista di borse, pittrice, burattinaia, artista a tutto tondo, ricordata da tutti come Donna Esa. Grazie alla sua passione e determinazione è riuscita nel corso degli anni a raccogliere un patrimonio dal valore inestimabile, unico nel suo genere, strettamente legato alla realtà dell'emigrazione e a tematiche come la condivisione, la tolleranza, le contaminazioni, la creatività, le tradizioni.

Orari: dalle 15.00 alle 20.00
Dove: Borgo di Vigoleno (Pc)

Per informazioni:
Tel. 329 7503774
E-mail: infovigoleno@libero.it



20/02/2014
Concorso per l’allestimento della nuova sede: Museo gli Orsanti

L'Associazione culturale Maria Teresa Alpi bandisce un concorso per la progettazione di un allestimento creativo per la nuova sede del Museo gli Orsanti.
Il Museo, sorto a Compiano (Pr) nel 2001, verrà trasferito presso Casa Tanzi nel Borgo di Vigoleno (Pc). Per l'occasione l'Associazione vuole dare nuova luce allo spazio espositivo, offrendo ai partecipanti l'opportunità di presentare un progetto ideativo di allestimento.

Il Museo Gli Orsanti rappresenta un patrimonio unico in tutto il mondo, incredibile testimonianza di un fenomeno popolare affascinante, esempio perfetto di come una tradizione antica possa perpetuare nel tempo. E’ sinonimo di arte, cultura, spettacolo, tradizione, avventura.

Il Museo degli Orsanti si trova attualmente nella chiesa sconsacrata di San Rocco, all'interno dell'antico borgo medievale di Compiano e racconta un particolare fenomeno migratorio che interessò le popolazioni dell'Appennino parmense e le vallate del Piacentino già dal XVIII secolo. Le gravi condizioni economiche indussero molte persone a migrare per dedicarsi ad attività “itineranti”: accattonaggio, commercio ambulante, lavori campestri e forestali, filatura, spettacoli di strada con animali ed esibizioni musicali.

Le compagnie degli Orsanti attraversarono il mondo esibendosi nelle più grandi città, soprattutto in occasione delle fiere, dall'Egitto ai paesi Scandinavi, da San Pietroburgo all'Inghilterra.
Maria Teresa Alpi, fondatrice del Museo e grande appassionata di questo fenomeno, è sempre stata un personaggio eclettico: stilista di borse per il mercato europeo, poi scenografa, pittrice, burattinaia, museografa.
Negli anni ’70 ha portato i suoi teatrini nelle piazze e nelle scuole d’Italia e ha raccolto numerose testimonianze della vita degli orsanti: giocattoli, grandi figure di cartapesta, raffiguranti uomini, orsi, scimmie e altri animali, insoliti strumenti musicali, costumi di scena, stampe d’epoca, un grande carro, dipinti, documenti, oggetti di vita quotidiana e burattini.

I valori principali che il Museo gli Orsanti incarna e rispecchia sono il tema dell'emigrazione, intesa come condivisione e scambio tra i popoli e l'essenza dell'arte girovaga e dei primi esempi di arte circense.
Il Concorso si rivolge ad architetti, grafici, curatori, studenti e chiunque sia interessato all’ambito museale, di nazionalità italiana e straniera. Possono partecipare persone singole o gruppi di lavoro.
Si richiede ai partecipanti di rispettare i valori sopra citati e le macro aree del Museo: strumenti musicali, cucina dell'orsante, carretti, burattini, sculture, oggettistica, giochi, personaggi in cartapesta, quadri e fotografie, biblioteca.
Ogni progetto dovrà essere completo di rendering e descrizione dettagliata della proposta, completa dei materiali usati.
La giuria predisposta selezionerà un vincitore tra i migliori progetti presentati. Il vincitore potrà seguire la realizzazione dell'allestimento e sarà invitato all'inaugurazione della nuova sede, a fine aprile.

I progetti devono essere inviati entro giovedì 20 marzo 2014, via posta o via email a:
Mood eventi e comunicazione, via Mandelli 11, 29121 Piacenza
email: eventi@studiomood.it
telefono: 0523 385130

Documenti necessari alla progettazione:
REGOLAMENTO CONCORSO (PDF)
CATALOGO MUSEO GLI ORSANTI (PDF)
PLANIMETRIA CASA TANZI (PDF)



04/08/2013
Il ricordo di Maria Teresa Alpi, Museo gli Orsanti



Domenica 4 agosto 2013 si è svolta a Compiano la manifestazione in onore di Maria Teresa Alpi, fondatrice del Museo gli Orsanti, in occasione di "Compiano in festa". Un momento importante per ricordare una figura di spicco del panorama culturale parmense e non solo, che nel corso degli anni si è battuta per il recupero e la divulgazione della tradizione girovaga che ha interessato la storia della provincia di Parma. Sono intervenuti il Sindaco di Compiano, Sabina Delnevo, il Presidente della Consulta emiliano-romagnoli nel mondo, Silvia Bartolini e i rappresentanti dell'Istituto Superiore Zappa-Fermi di Borgotaro che hanno esposto il progetto “Dal filo dell’arte al circo della vita. Storia e storie di persone e di sogni. Maria Teresa Alpi e il suo Museo”. Un grande numero di visitatori ha partecipato all'evento, animando il Borgo di Compiano. L'attività del Museo gli Orsanti continua seguendo il desiderio della sua ideatrice, quello di coinvolgere anche le generazioni più giovani e le scuole in un percorso di conoscenza della storia del territorio. A dimostrazione di questo impegno è stato indetto il concorso "Come immaginate la vita degli Orsanti?" che ha visto la partecipazione di molte scuole nel tentativo di rappresentare, attraverso un disegno, la vita degli Orsanti e il tema dell'emigrazione.

I vincitori, proclamati domenica, sono le tre scuole: Scuola primaria di Tarsogno, Scuola Primaria di S.Maria del Taro e Scuola Primaria di Isola di Compiano. I lavori saranno esposti da settembre all'interno del Museo. Grazie al prezioso supporto della Regione Emilia-Romagna, della Consulta emiliano-romagnoli nel mondo, del Comune di Compiano e al patrocinio della Provincia di Parma e della Camera di Commercio di Parma è stato possibile realizzare questo progetto e ricordare con la giusta importanza Maria Teresa Alpi, l'artista per eccellenza.



06/07/2013
Il Museo gli Orsanti aperto anche il sabato

Il Museo Gli Orsanti a Compiano (Pr) continua la sua attività e a partire dal 6 luglio rimarrà aperto anche il sabato pomeriggio. 
Un museo magico, meta ideale per chi ama viaggiare nel weekend e per chi desidera scoprire un piccolo tesoro della provincia di Parma,  il borgo medioevale di Compiano, luogo incantevole immerso nel verde.
Il Museo Gli Orsanti è situato nella chiesa sconsacrata di San Rocco e raccoglie testimonianze della vita degli Orsanti, musicanti e ammaestratori di animali che si esibivano nelle piazze più importanti del mondo.
Accoglie un numero sempre crescente di visitatori, grazie anche a nuove interessanti convenzioni con FAI, Touring Club e Sport Nazionale e grazie all'interesse mostrato nei confronti dei più giovani, a cui insegna la storia del territorio parmense secondo un metodo pratico e divertente.
A testimonianza di questo impegno vi è il concorso: “Come immaginate la vita degli Orsanti?”, iniziativa che ha visto il prezioso sostegno della Regione Emilia-Romagna e della Consulta emiliano-romagnoli nel mondo. L'intento è stato di lasciare i bambini liberi di interpretare il tema dell’emigrazione degli artisti di strada attraverso un disegno o un racconto.
In occasione della manifestazione "Compiano in festa", domenica 4 agosto verrà proclamato il vincitore e sarà offerta a tutti i partecipanti una visita gratuita presso il Museo stesso.
Un momento di allegria e giochi, ma anche di omaggi. Sarà infatti l'occasione per  ricordare Maria Teresa Alpi, fondatrice del Museo gli Orsanti e ideatrice di importanti iniziative culturali di respiro internazionale, legate al territorio parmense.



06/07/2013
Concorso "Come immaginate la vita degli Orsanti?"

Il Museo Gli Orsanti organizza un concorso rivolto ai bambini delle scuole elementari e medie, dal titolo: “Come immaginate la vita degli Orsanti?”.

L’intento è lasciare i bambini liberi di interpretare il tema dell’emigrazione degli artisti di strada che interessa la storia del territorio parmense e soprattutto avere l’opportunità di riscoprire le origini della propria famiglia.
Ai bambini delle scuole elementari chiediamo di partecipare con un disegno, mentre ai ragazzi delle scuole medie con un racconto. Il Museo provvederà a inviare materiale sulla sua storia e su questo fenomeno del passato.

I disegni e i racconti andranno spediti entro e non oltre giovedì 6 giugno 2013 all’agenzia Mood, via Mandelli 11, 29121 Piacenza (eventi@studiomood.it - tel. 0523385130).
I vincitori verranno premiati entro agosto (data da definirsi) e verrà offerta a tutti i partecipanti al concorso una visita gratuita presso il Museo stesso.
La volontà del Museo Gli Orsanti è raccogliere tutti i disegni e i racconti dei ragazzi per inserirli in un libro che verrà distribuito sul territorio, per testimoniare l’intraprendenza e la partecipazione dei giovanissimi alla celebrazione della tradizione parmense e di un tema estremamente attuale come l’emigrazione, intesa come unione e compenetrazione di culture diverse.



21/04/2013
Riapre il Museo gli Orsanti




Il Museo Gli Orsanti a Compiano (Pr) riprende la sua attività a partire da domenica 21 aprile.
Una meta ideale per chi ama viaggiare nel weekend e per chi vuole andare alla scoperta del borgo medioevale di Compiano, luogo incantevole immerso nel verde.
Il Museo Gli Orsanti è situato nella chiesa sconsacrata di San Rocco e raccoglie testimonianze della vita degli Orsanti, musicanti e ammaestratori di animali che si esibivano nelle piazze più importanti del mondo.
Accoglie un numero sempre crescente di visitatori, grazie anche a nuove interessanti convenzioni con FAI e Touring Club, per le quali è riservato uno sconto ai soci in possesso della tessera associativa al momento dell'acquisto del biglietto.
Inoltre rivolge uno sguardo attento ai bambini delle scuole elementari e medie per i quali ha intenzione di organizzare attività culturali e di intrattenimento mirate, in modo da insegnare anche ai più piccoli la storia del territorio parmense secondo un metodo pratico e divertente. Una di queste iniziative è il concorso: “Come immaginate la vita degli Orsanti?”.
L’intento è lasciare i bambini liberi di interpretare il tema dell’emigrazione degli artisti di strada attraverso un disegno o un racconto.
I vincitori verranno premiati nel mese di maggio e verrà offerta a tutti i partecipanti al concorso una visita gratuita presso il Museo stesso.
All'interno del Museo Gli Orsanti sono stati raccolti costumi di scena, stampe d'epoca, documenti e oggetti di vita quotidiana che raccontano l'incredibile esistenza degli emigranti girovaghi di fine '700 e '800.
Maria Teresa Alpi, fondatrice del Museo, dichiarava “Non sono un'artista, sono una creativa; ho fatto quello che gli altri non avevano pensato di fare, ma tutti noi siamo creativi e in fondo ognuno di noi è un artista”.


09/04/2012
Il Museo gli Orsanti di Compiano riapre il giorno di Pasquetta

In data 9 Aprile 2012, dalle 11.00 alle 18.00,  riapre al pubblico il Museo “Gli Orsanti”, situato nel borgo di Compiano, provincia di Parma.

Il Museo, collocato nella chiesa sconsacrata di San Rocco, regala un’immagine onirica, da circo felliniano a chi vi entra. L'immagine che si presenta al visitatore è sorprendente, quasi onirica: grandi orsi di cartapesta, insoliti strumenti musicali, costumi di scena, stampe d’epoca, dipinti, documenti e oggetti di vita quotidiana narrano la storia di uomini, partiti da Compiano nel XVIII secolo, che hanno vissuto una vita avventurosa errando per terre lontane.

L’emigrazione girovaga, che ha dato vita alle “avventure” degli Orsanti, è un fenomeno realmente esistito nelle zone dell’Appennino parmense e ha radici remote. Accattonaggio, commercio ambulante, lavori campestri e forestali, filatura, spettacoli di strada con animali  - appunto di Orsanti e Scimmiari – o esibizioni musicali, furono alcune delle attività con cui gli abitanti delle zone appenniniche cercarono di affrontare, tra il Settecento e l’Ottocento, il difficile problema della sopravvivenza. Le compagnie degli Orsanti, artisti musicanti, ammaestratori e incantatori di animali, attraversarono il mondo esibendosi nelle più grandi città, soprattutto in occasione delle fiere, dall'Egitto ai paesi Scandinavi, da San Pietroburgo all'Inghilterra.

Il Museo degli Orsanti nasce nel 2001 con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, l’Assessorato al Turismo e alla Cultura della Provincia di Parma, il Comune di Compiano e la Comunità Montana Parma Ovest.
Il Museo è un patrimonio unico, incredibile testimonianza di un fenomeno popolare affascinante ma purtroppo quasi dimenticato. L’eventuale perdita di questa realtà piccola, ma estremamente ricca di storia, unico baluardo contro l’oblio del tempo, sarebbe un danno culturale incalcolabile.
Per questo motivo, la Regione Emilia-Romagna, la Provincia di Parma e il Comune di Compiano sono orgogliosi di poter sostenere e proteggere il Museo gli Orsanti, che da quest’ anno ha istituito convenzioni con il FAI, il Touring Club, i Borghi più belli d’Italia, Italia Nostra e tanti altri, grazie alle quali verranno offerte particolari agevolazioni agli aderenti delle suddette associazioni.



24/03/2012
Tacabanda e Orsanti



Me, Pek e Barba è un gruppo di artisti che mette in musica l'emozione, le storie, le leggende, e le persone della propria terra: la bassa parmense. In onore degli emigranti girovaghi di fine '700 e del Museo Gli Orsanti, ha scritto la canzone "Tacabanda e Orsanti", facente parte dell'album "La scatola magica". www.mepekebarba.it



01/08/2011
L'estate della creatività parmense

Il Castello del borgo di Compiano ospiterà anche per tutto il mese di agosto la mostra "Donna Esa: la borsa parmigiana nel mondo" e "Carmen Coruzzi: le borse come sculture".

Maria Teresa Alpi diviene Donna Esa verso la metà degli anni '50. In un'epoca in cui non è facile per una donna realizzarsi, diventa imprenditrice di se stessa. La ricchezza dei materiali e la particolarità dei modelli, rendono il suo stile unico e originale. 

Le forme classiche e rigorose sono ammorbidite dalla sapiente cucitura e dalla lavorazione minuziosa, che esprimono la praticità e la dinamicità della donna moderna. Il risultato finale è la creazione di una borsa che prende vita, quasi a seguire i contorni degli oggetti che contiene. 

Vogue, Bazar, Moda Pelle, e poi Bellezza e Novità, sono solo alcuni dei prestigiosi periodici di moda che presentano queste nuove borse, che per trent’anni hanno rappresentato la “ricerca” nel campo della borsetta. I più raffinati negozi italiani, ed europei, e poi Bloomingdale a New York, vendono le borse Donna Esa, le attrici e le donne più belle e importanti le comprano e le indossano.

Carmen Coruzzi, scultrice e artista della ceramica Raku, ha rivisitato le creazioni di Donna Esa trasformandole in vere e proprie sculture, restituendone l'estetica e donando loro nuova essenza. 

L'artista ha aperto nel 1999 lo studio Kan a Parma e da allora partecipa attivamente a varie manifestazioni artistiche sia nazionali che nella sua città. 

L'innovazione di questa mostra è quella di offrire a chiunque la possibilità di poter ammirare borse che per il loro stile particolare e l'avanguardia che le caratterizza, sono diventate opere d'arte. E' un'opportunità imperdibile per ammirare un talento tutto italiano, e uno stile unico ed inimitabile che non passerà mai di moda.



23/07/2011
Terzo appuntamento con il Festival dei Girovaghi



Sabato 23 luglio il borgo di Compiano ospita il terzo appuntamento del Festival dei Girovaghi, giunto quest'anno alla 9° edizione.

Il programma della manifestazione artistica e culturale, che avrà luogo presso il Castello di Compiano, prevede alle 22.00 la proiezione degli ultimi video finalisti che partecipano al concorso "Emigrazioni. Il valore dei popoli": "E neser?" regia di Daniela Giammarino, "Se non mi conosci lasciami parlare" di Augusto Marida, "Il coro di via Piave" regia Servizio Etam del Comune di Venezia in collaborazione con l'Associazione culturale "Settimo Binario", e "Xenofobia" regia di Diana Giaisa Rinaldi, Liceo Artistico Statale di Roma.

A seguire, alle 22.40, il gruppo Pietrantica presenta "Lo spettacolo Orsanti": con la ricerca, lo studio e la trascrizione di musica e testi di canzoni, si propone di tramandare e divulgare una tradizione popolare di musica, canti e danze attraverso spettacoli itineranti, atti a divertire e nello stesso tempo incuriosire ed informare lo spettatore sulla bellezza e la ricchezza del patrimonio culturale appartenente alla popolazione dell’area franco-provenzale-piemontese-catalana.

I visitatori possono inoltre approfittare della mostra in Municipio, rassegne fotografiche sul tema dell'emigrazione per le strade di Compiano, del Museo Gli Orsanti e della mostra al Castello "Donna Esa: La borsa parmigiana nel mondo" e Carmen Coruzzi "Le borse come sculture", che racconta la moda degli anni '50, dettata dalle borse che la stessa fondatrice del Festival, Maria Teresa Alpi, ha realizzato e che hanno rappresentato la fonte di ispirazione per la sua amica Carmen Coruzzi, artista e scultrice.

Compiano offre così un'altra occasione di confronto e approfondimento culturale su un tema che interessa tutti noi e che riguarda il futuro della comunità. 

 
16/07/2011
Gian Antonio Stella al Festival dei Girovaghi a Compiano

Il Festival dei Girovaghi, la famosa manifestazione che raccoglie i più grandi artisti di strada e celebri gruppi teatrali, continua sabato 16 luglio nell'incantevole borgo di Compiano.

Il programma prevede alle ore 22.00 la proiezione di uno dei video che partecipano al concorso "Emigrazioni. Il valore dei popoli", quest'anno alla sua prima edizione.

Grande evento della serata è, alle ore 22.40, lo spettacolo "Negri, froci, giudei & Co. L'eterna guerra contro l'altro" con Gian Antonio Stella, inviato ed editorialista del Corriere della Sera, Gualtiero Bertelli, uno dei più noti cantautori italiani e la Compagnia delle Acque: Giuseppina Casarin, Rachele Colombo, Paolo Favorido, Domenico Santaniello e Maurizio Camardi.

Si tratta di un racconto per musica, canto e immagini per capire la società contemporanea, con il dilagare dell'odio in Internet, i cori negli stadi contro i giocatori neri, il risveglio del demone antisemita, le spedizioni squadristiche contro gli omosessuali.

Da sempre si perpetuano "pulizie etniche" nei confronti degli altri e questo odio ha contribuito a riscrivere la storia su misura di certi pregiudizi o di determinate paure. Il razzismo si alimenta di questa ignoranza e inventa leggende.

In un momento di confusione e incertezza su alcuni dei valori più importanti per l'uomo, Gian Antonio Stella ricostruisce un inquietante quadro d'insieme confrontando passato e presente, facendo riflettere sulla stupidità e sugli spropositi deliranti di tutti i fanatici di ogni tempo e luogo.

Un'ottima occasione per partecipare a uno spettacolo più unico che raro, un esempio di indagine e ragionamento su un tema che tocca tutti noi.



09/07/2011
Inaugurata la 9° edizione del Festival dei Girovaghi



Sabato 9 luglio il borgo di Compiano ha aperto le porte al Festival dei Girovaghi, la famosa manifestazione culturale e artistica che quest'anno è arrivata alla nona edizione.

Nel pomeriggio di sabato si è tenuto il convegno "Emigrazioni..il valore dei popoli" organizzato dal dott. Romeo Broglia; tra gli ospiti presenti Silvia Bartolini, Presidente della Consulta degli Emiliano-romagnoli nel mondo; Gianluigi Molinari, Sindaco di Vernasca, componente del Comitato esecutivo della Consulta degli Emiliano-romagnoli nel mondo; Carlo Berni, Sindaco di Bedonia e Diego Rossi, Sindaco di Borgo Val di Taro.

Gli ospiti hanno condiviso le loro testimonianze relative al tema dell'emigrazione, hanno discusso sulle future iniziative per diffondere la storia e la cultura di Compiano e dei paesi limitrofi. Il convegno si è caratterizzato per la profonda volontà di collaborazione e di solidarietà reciproca dei partecipanti, i quali hanno trattato questo tema delicato come opportunità di relazioni e di crescita economica e culturale per la Comunità.

A seguire la visita della mostra in Municipio, rassegne fotografiche sul tema dell'emigrazione per le strade di Compiano,  la visita al Museo Gli Orsanti e la mostra al Castello "Donna Esa: La borsa parmigiana nel mondo" e Carmen Coruzzi "Le borse come sculture".

La fondatrice del Festival dei Girovaghi, Maria Teresa Alpi, ha intrattenuto gli ospiti con la sua verve e la sua forte personalità, illustrando la storia dei contadini di Compiano, ammaestratori di animali in viaggio per il mondo con la loro arte di strada e la moda degli anni '50, dettata dalle borse che la stessa Maria Teresa ha realizzato e che hanno rappresentato la fonte di ispirazione per la sua amica Carmen Coruzzi, artista e scultrice.

La sera è stata inaugurata la prima edizione del concorso "Emigrazioni. Il valore dei popoli", che ha visto la proiezione di due dei video finalisti: "Magia del vetro" regia di Maria Agostini, Scuola Don Milani Colombo di Genova e "Dallo zolfo al carbone" regia di Luca Vullo, che hanno restituito uno sguardo sincero e ricco di testimonianze sul tema emigrazione.

Grandi applausi infine per lo spettacolo musicale della corale Perchè no? di Bedonia, "Da qualche parte c'è una terra che ci aspetta", regia di Aldo Craparo.



09/07/2011
In mostra al Castello di Compiano la creatività parmense

Dal 9 luglio al Castello di Compiano è possibile ammirare, il sabato e la domenica, la mostra "Donna Esa: la borsa parmigiana nel mondo" e "Carmen Coruzzi: le borse come sculture".

Negli anni '50 Maria Teresa Alpi, in arte Donna Esa, inizia a lavorare alcuni materiali, tra cui la rafia colorata all'uncinetto e la pelle insieme al cuoio, dando vita così a una collezione di borse moderne e originali, che hanno anticipato la moda e le tendenze di quegli anni.

Le forme classiche e rigorose sono ammorbidite dalla sapiente cucitura e dalla lavorazione minuziosa, che esprimono la praticità e la dinamicità della donna moderna. Il risultato finale è la creazione di una borsa che prende vita, quasi a seguire i contorni degli oggetti che contiene.

Così il coccodrillo si arriccia, fino a sembrare stoffa, la nappa e il cuoio si combinano in trecce colorate e nastri che da solidi diventano leggerissimi e sottili fogli di plexi diventano le pareti morbide e trasparenti di borse in evoluzione, che una volta riempite assumono forme e colori inaspettati.

Carmen Coruzzi, scultrice e artista della ceramica Raku, ha rivisitato le creazioni di Donna Esa trasformandole in vere e proprie sculture, restituendone l'estetica e donando loro nuova essenza.

L'artista ha aperto nel 1999 lo studio Kan a Parma e da allora partecipa attivamente a varie manifestazioni artistiche sia nazionali che nella sua città.

L'innovazione di questa mostra è quella di offrire a chiunque la possibilità di poter ammirare borse che per il loro stile particolare e l'avanguardia che le caratterizza, sono diventate opere d'arte.



10/05/2011
Avviso scadenza concorso video

Avvisiamo che il termine per la consegna dei video per partecipare al concorso “E…migrazioni. Il valore dei popoli” è stato prorogato al 10 maggio 2011. Siete quindi ancora in tempo per realizzare e inviarci il vostro filmato sull'emigrazione. Per ulteriori informazioni visitate il sito www.emigrazioni.it



14/05/2011
Apertura straordinaria del Museo Gli Orsanti

Il Museo Gli Orsanti apre le porte la sera del 14 maggio in occasione della Notte dei musei.
Per informazioni visitate il sito nuitdesmusees.culture.fr



25/04/2011
La compagnia "Fuori di testo" reinterpreta la vita degli Orsanti

Lunedì 25 aprile dalle ore 15.30, presso la piazza che si trova di fronte al Museo Gli Orsanti, si esibirà la compagnia di improvvisazione teatrale "Fuori di testo". Lo spettacolo comico sarà composto da una serie di sketch improvvisati e verterà sulla tematica della vita degli Orsanti, grazie anche ai suggerimenti che arriveranno dal pubblico. Vi aspettiamo numerosi!



24/04/2011
Apre a Pasqua il Museo Gli Orsanti

Il 24 aprile 2011 riapre il Museo degli Orsanti. Situato nella chiesa sconsacrata di San Rocco, il museo rievoca, attraverso immagini, quadri, manifesti, riproduzioni in cartapesta, strumenti musicali e tanti altri oggetti dell’epoca, il fenomeno migratorio che ha interessato molti abitanti del borgo di Compiano a partire da XVIII secolo e che ha permesso di diffondere in tutto il mondo la creatività di questi artisti di strada, che hanno viaggiato per i paesi del nord Europa portando nelle piazze i propri spettacoli.



2011
Concorso Video



“E…migrazioni. Il valore dei popoli”
Compiano (Parma), Luglio 2011
“Museo Gli Orsanti” - Castello di Compiano - Comune di Compiano con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, Provincia di Parma e  Ministero del Turismo

bandiscono un concorso per le migliori testimonianze video sul tema dell’emigrazione: l’obiettivo è quello di stimolare una riflessione sul tema sempre attuale dell’emigrazione/immigrazione al fine di valorizzare il patrimonio culturale di ciascun popolo senza soffermarsi in maniera esclusiva sulle problematiche dell’integrazione. Il concorso mira a sottolineare la valenza positiva del fenomeno, considerare le belle realtà presenti: gli stranieri di successo in Italia e gli italiani di successo all’estero. I video dovranno essere diretti ad illustrare il fenomeno migratorio considerando la possibilità di muoversi all’interno di un tema variegato e ricco di sfaccettature: i motivi della partenza, l’emigrazione femminile, l’immigrazione in Italia, senza dimenticare il contributo degli italiani all’estero, quel valore aggiunto che ha permesso al Made in Italy di diventare un marchio riconosciuto e riconoscibile in ogni settore, commerciale, culinario, imprenditoriale, ecc. Il cinema può aiutare a trovare linguaggi nuovi in grado di raccontare questi cambiamenti e questi incontri.

Guarda il bando su www.emigrazioni.it
 


2011
L'Associazione culturale Barbara Alpi presenta: il 9° Festival dei Girovaghi




L'appuntamento di quest'anno promette grandi sorprese e creatività a trecentosessanta gradi. Gli spettacoli degli artisti di strada si intrecceranno con gli spettacoli serali, che porteranno a Compiano artisti di vario calibro, tra cui il gruppo Perchè no?, i Pietra Antica, il gruppo musicale Domo Emigrantes e inoltre il celebre giornalista ed editorialista Gian Antonio Stella che presenterà il suo spettacolo "Negri, froci, giudei & co. L'eterna guerra contro l'altro". Il Festival che fa sognare non si smentisce mai...

 

Luglio - Agosto 2010
L'Associazione culturale Barbara Alpi presenta: l'8° Festival dei Girovaghi



Compiano, Bedonia
31 Luglio, 1 - 6 - 7 - 8 Agosto 2010

Con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, l'Assessorato al Turismo della Provincia di Parma i comuni di Compiano e Bedonia
È un appuntamento imperdibile per tutti i coloro che hanno girato, girano e gireranno il mondo, guidati dal desiderio di conoscenza e di ricerca del passato.
L’incantevole borgo medioevale di Compiano, in provincia di Parma, si trasforma in un universo in movimento. Tanti spettacoli, tanti artisti per un festival da sogno che libera ogni forma di immaginazione...



30/05/2010
L'Orso in Festa

Orsi di peluche, di cioccolato, scolpiti in legno, orsi nelle favole, nei libri, nella storia. Orsi dipinti, orsi immaginati, orsi veri, studi antropologici ed etnografici sull'orso, tutto questo e molto altro sarà lo scenario della manifestazione “Lorso in festa” prevista domenica 30 maggio a Compiano (Parma).

Nella culla “dell'emigrazione girovaga”, dove uomini e orsi incrociarono le proprie vite per far fronte alla sopravvivenza e per dare spettacolo nelle strade e nelle piazze dell'Europa, si svolgerà la prima giornata interamente dedicata all'Orso, figura animale carica di densi significati e trascorsi storici. L'evento è realizzato in collaborazione con il Museo “Gli Orsanti”, l'Associazione culturale “Barbara Alpi” e il comune di Compiano.

Antica divinità, creatura venerata, fiera invincibile, signore della foresta, incarnazione della forza e del coraggio, l'orso non è stato soltanto il re degli animali, ma anche l'attributo di tutti i re. Il Museo Gli Orsanti aprirà le porte ai visitatori per far scoprire come la figura dell'orso sia intimamente legata alla città di Compiano e in generale alla popolazione della Valtaro, attraverso l'antico fenomeno migratorio che, per necessità, rese molti degli abitanti della zona artisti girovaghi e ammaestratori di orsi che si esibirono nelle vie e nelle piazze delle grandi città del Nord Europa.

L'intero paese sarà in festa per la celebrazione di questa figura mitica.

Tanti gli eventi in programma: alle ore 11.00 un seminario sull'orso presso il Castello di Compiano vedrà storici, antropologi e scrittori confrontarsi sulle tematiche riguardanti il ruolo di questo animale e il suo valore storico e simbolico attraverso varie epoche ed etnie.

Nel corso della giornata artisti scultori, illustratori, pasticceri, musicisti, scrittori, artigiani, decoratori e creatori di teddy bears metteranno i mostra le proprie opere ispirate all'orso. Per le strade principali del paese musiche, danze, cantastorie, celebreranno l'antico re del mondo animale, protagonista nei secoli, di fiabe, illustrazioni, fumetti, cartoni animati, film, canzoni, storie realmente accadute ed ideologie ispirate alla sua figura: forte e misteriosa. La letteratura saggistica, fiabesca, fumettistica dedicata all'orso, sarà oggetto di letture, e rappresentazioni interpretative. Oggetti di vita quotidiana, strumenti musicali, stampe, e abiti d'epoca, per descrivere un fenomeno lontano nel tempo ma vicino al cuore di molti Compianesi si troveranno presso il Museo Gli Orsanti. Tante sorprese per una giornata tutta da scoprire...



04/04/2010
Apertura del Museo Gli Orsanti

Venite a conoscere la storia di uomini coraggiosi, partiti per terre lontane, viaggiatori erranti ammaestratori di bestie feroci…
Sono Gli Orsanti…